fbpx
Consigli

Dado da brodo: perchè è meglio evitarlo (e consigli per sostituirlo)

brodo minestrone

Sotto forma di piccolo cubetto, il dado da brodo è un ingrediente molto utilizzato per insaporire preparazioni oppure per fare un brodo veloce e last-minute.

Si è largamente diffuso a partire dal momento in cui è stato inventato, nel 1850.
Oggi ne troviamo tantissime tipologie e marche sugli scaffali dei supermercati.

Certamente è comodo e pratico…
Ma spesso NON altrettanto salutare.

Infatti, generalmente un cubetto così piccolo è un concentrato di:


– glutammato

– sale

– grassi di bassa qualità

– conservanti

– ingredienti di “scarto”

E’ vero che negli ultimi anni, grazie a consumatori più consapevoli ed esigenti, l’offerta si è arricchita e possiamo trovare anche dadi vegetali, biologici, con ingredienti “naturali”, senza glutammato né conservanti

Tuttavia, questi prodotti sono comunque artificiali e industriali.

Ciò significa che anche il gusto ne risente: il sapore innaturale altera il gusto dei piatti e, come tutti i prodotti “pronti”, crea una sorta di “dipendenza”.

Perchè utilizzare un ingrediente dannoso per la salute e nemmeno tanto buono?

Se l’aspetto pratico è il motivo che ci fa scegliere questa opzione, allora possiamo trovare la soluzione in alternative semplici e veloci ma salutari e veramente naturali!

Ecco i miei 3 consigli per dare gusto ai tuoi piatti evitando il dado pronto:

1. Utilizza tante erbe aromatiche fresche nelle tue preparazioni:

erbe aromatiche

Quando fai cuocere sughi, minestroni, zuppe, piatti con lunghe cotture aggiungi alloro, rosmarino, salvia, prezzemolo, timo…
Solo alcuni o tutti insieme, danno un profumo buonissimo senza grassi, calorie né ingredienti nascosti.

2. Inserisci sedano, carota e cipolla in cottura.

sedano carote e cipolla

Interi o a pezzi (a seconda della preparazione e della durata della cottura), questo “trittico” di verdure è alla base di un brodo buono, profumato e sano!
Il sedano verde (e soprattutto le sue foglie) sono ottimi per dare profumo e sapore ai tuoi brodi e minestroni.

3. Per dare la sapidità ai tuoi piatti c’è il sale!

sale

Di buona qualità e nelle giuste quantità, il sale è un prezioso ingrediente che non va demonizzato!

Sale di buona qualità significa non raffinato, che non è stato lavorato e sottoposto a processi chimici per renderlo bianco.
Infatti si riconosce soprattutto dal colore perchè non è bianco e lucido ma più opaco e dal color grigiastro.

Si può trovare il sale marino integrale italiano (dalla Sicilia, da Cervia…) oppure da mari più lontani (come l’Oceano Atlantico).
Oppure il sale “roccioso”, il più famoso quello rosa dell’Himalaya.

Personalmente, io li vario e alterno per avere da ognuno le sue proprietà.

Queste sono le indicazioni più pratiche e veloci…
Ma è possibile preparare in casa un dado vegetale pronto all’uso, buono e salutare!
Nelle prossime settimane condividerò con te la mia ricetta.
 
A presto!

Desideri far parte della mia cerchia ristretta e scoprire ogni mese materiale inedito riservato e in esclusiva?

Iscriviti alla mia Newsletter!

Inoltre riceverai subito come regalo di benvenuto la mia Guida con i 10 consigli pratici per iniziare la giornata con Energia e Positività!

Visita:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment*

Name*

Website